Biografia

Mario Botta, dopo un periodo d’apprendistato a Lugano, frequenta il liceo artistico di Milano e prosegue i suoi studi all’Istituto Universitario d’Architettura di Venezia, dove si laurea nel 1969 con i relatori Carlo Scarpa e Giuseppe Mazzariol. Durante il periodo trascorso a Venezia, ha occasione di incontrare e lavorare per Le Corbusier e Louis I. Kahn.

Nel 1970 apre il proprio studio a Lugano e, da allora, svolge un’importante attività didattica, tenendo conferenze, seminari e corsi presso scuole d’architettura in Europa, in Asia, negli Stati Uniti e in America Latina. Nel 1976 è nominato professore invitato presso il Politecnico di Losanna e nel 1987 presso la Yale School of Architecture a New Haven, USA.

Dal 1983 è nominato professore titolare delle Scuole Politecniche Svizzere e dal 1982 al 1987 è stato membro della Commissione Federale Svizzera delle Belle Arti. Dalle case unifamiliari in Canton Ticino il suo lavoro ha abbracciato tutte le tipologie edilizie: scuole, banche, edifici amministrativi, biblioteche, musei ed edifici del sacro. Nel corso degli ultimi anni si è impegnato come ideatore e fondatore della nuova Accademia di Architettura di Mendrisio, dove tuttora insegna e dove ha ricoperto l’incarico di direttore per l’anno accademico 2002/03.

Il suo lavoro è stato premiato con importanti riconoscimenti internazionali (tra i quali il Merit Award for Excellence in Design by the AIA per il SFMOMA, Museo d’Arte Moderna a San Francisco) e numerose sono le mostre dedicate alla sua ricerca. A settembre 2010 il museo MART di Trento e Rovereto ha celebrato i 50 anni di attività dell’architetto con una grande retrospettiva.

L’opera di Mario Botta unisce l’architettura ad un forte senso urbano; la città è per Botta il terreno di continuo confronto tra pratica progettuale e ricerca del senso, delle forme, delle modalità d’intervento, per rispondere, caso per caso, alla tematiche affrontate che non si risolvono mai con il gesto autoreferenziale e distaccato dell’edificio costruito, ma con un dialogo profondo tra storia del tessuto urbano e territoriale e nuova costruzione pensata anzitutto dal punto di vista del suo valore civico e collettivo.

Tra le sue opere meritano di essere ricordate: il teatro e casa per la cultura a Chambéry; la Mediateca a Villeurbanne; il SFMOMA Museo d’Arte Moderna a San Francisco; la Cattedrale della Resurrezione a Evry; il Museo Jean Tinguely a Basilea; la Sinagoga Cymbalista e Centro dell’eredità Ebraica a Tel Aviv; la Biblioteca Municipale a Dortmund; il Centro Dürrenmatt a Neuchâtel; il MART Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto; la Torre Kyobo e il Museo Leeum a Seoul; gli edifici amministrativi della Tata Consultancy Services a Nuova Delhi e Hyderabad; il Museo e Biblioteca Fondation Bodmer a Cologny; la Chiesa Papa Giovanni XXIII a Seriate; la ristrutturazione del Teatro alla Scala di Milano; la Chiesa del Santo Volto di Torino; il Centro benessere Tschuggen Berg Oase ad Arosa; la cantina Château Faugères a Saint-Emilion, il Museo Bechtler a Charlotte, la Chiesa di Santa Maria Nuova a Terranuova Bracciolini, le stazioni della metropolitana di Napoli, il Museo dell’Architettura a Mendrisio. A Suvereto, nei pressi di Livorno ha costruito la Cantina Petra e ad Azzano, Asti una cappella privata.

Nel 2001 realizza in collaborazione con lo scultore Giuliano Vangi la Cappella funeraria della famiglia D’Angilio presso il cimitero di Azzano a Seravezza. Recentemente inaugurata è la biblioteca della Tsingua University a Pechino (2011).


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dai siti: www.botta.chwww.tracce.morettispa.itwww.archimagazine.com,
www.lanciatrendvisions.com

Timeline

Page Reader Press Enter to Read Page Content Out Loud Press Enter to Pause or Restart Reading Page Content Out Loud Press Enter to Stop Reading Page Content Out Loud Screen Reader Support