Biografia

Architetto noto in tutto il mondo, Renzo Piano (Genova 1937), dopo la laurea al Politecnico di Milano nel 1964 viaggia tra gli Stati Uniti e l’Inghilterra per completare la sua formazione e inizia a collaborare con architetti all’epoca molto affermati (Franco Albini, Marco Zanuso, Louis Kahn e Makowskj). Nel 1968 partecipa alla XIV Triennale di Milano, per cui realizza un padiglione. Nel 1969, a seguito della crescente affermazione internazionale, dovuta anche alla pubblicazione delle sue opere sulle riviste del settore (“Domus” e “Casabella”), realizza il padiglione per l’industria italiana alla Esposizione Universale del 1970 ad Osaka.

Dal 1971 inizia la collaborazione con Richard Rogers, con lo studio Piano&Rogers, e dal 1977 con Peter Rice, con la Piano&Rice Associates. Nel 1981dà vita al Renzo Piano Building Workshop con un ufficio a Genova e uno a Parigi; lo studio mira all’uso di materiali e tecnologie all’avanguardia, con l’intento di progredire sempre di più nella capacità di realizzare edifici e complessi urbani in tutto il mondo.

Le sue opere più famose sono il Centre Georges Pompidou a Parigi – chiamato anche Beaubourg – considerato il manifesto per l’architettura high-tech; lo stadio San Nicola a Bari 1987; l’aeroporto di Osaka 1988; la Cité Internationale a Lione 1991; il Museo della Scienza e della Tecnica ad Amsterdam 1992; il ridisegno della Postdamer Platz a Berlino 1992; il Centro Tjibaou per la cultura Kanak a Noumea 1992; la Banca Popolare di Lodi 1993; il Design Center della Mercedes Benz a Stoccarda 1993; l’Aurora Palace a Sidney 1996; la Telecom Tower 1997 a Rotterdam; l’Auditorium Parco della Musica a Roma 2002; la Chiesa di Padre Pio a San Giovanni Rotondo inaugurata nel 2004.

Importante è stata anche la fase di studio sui centri storici e sul recupero del paesaggio, da Otranto all’isola di Burano fino ai progetti per il porto antico di Genova, Rodi, La Valletta, Pompei e i Sassi di Matera, che dimostra l’interesse e la sensibilità verso un approccio operativo non esclusivamente high-tech.
Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti da Piano si ricorda il Premio Pritzker 1998, considerato il premio più prestigioso a livello mondiale nel campo architettonico. Dal 1994 è ambasciatore dell’Unesco per l’architettura.

Al di là degli incarichi di rilievo e della realizzazione di numerosissimi progetti, l’idea di bottega, di ricerca e di approccio al lavoro attraverso tecniche tradizionali quali il disegno a mano e lo sviluppo di modelli di studio, costituiscono per Renzo Piano un sistema di organizzazione funzionale, pratico e svincolato dalle teorie e dalle concezioni accademiche.


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dai siti:
www.rpbw.comwww.triennale.orgwww.architecture.com,
www.architetturadipietra.it

Timeline

Page Reader Press Enter to Read Page Content Out Loud Press Enter to Pause or Restart Reading Page Content Out Loud Press Enter to Stop Reading Page Content Out Loud Screen Reader Support