"Sono un artista concettuale, che ama il processo materiale di fare scultura e pittura. Il mio amore per la scultura è il processo. L'atto di fare! Io non faccio lo scultore per soldi. Voglio i soldi per fare sculture"
David Jungquist

Biografia

Artista di origine koreana e di adozione statunitense, nasce nel 1953 a Pusan come Jung Ki-Hark. Trascorre l’infanzia a Seoul, fino al 1964, quando viene adottato da una famiglia americana che gli cambia il nome in David Avrum Weschler. Cresce quindi nel Westchester County, nello stato di New York, acquisendone la cittadinanza nel 1968. Da adulto cambia nuovamente il suo nome in David Jang Gweehak Jungquist, per riconnettersi con le sue origini. Nel 1976 si laurea con lode in Belle Arti al Pratt Institute di New York. Continua gli studi di pittura e scultura, ricevendo una borsa di studio dalla Ford Foundation di New York. Inizia il suo apprendistato dedicandosi al legno con l’artista Toshi Odate; in seguito sposta la sua attenzione verso il marmo.

Dal 1984 è a Pietrasanta, dove collabora con l'artigiano Mauro Spadaccini; inizia a frequentare i laboratori locali come la Cooperativa Versiliese e le Fonderie Tommasi e Del Chiaro. Partecipa anche ad alcune mostre collettive nell’area apulo-versiliese come Giovani scultori in Versilia nel 1986 presso il Centro Culturale Luigi Russo di Pietrasanta, Scultori coreani oggi del 1987 e Il disegno degli scultori nel 1988. Le prime mostre personali sono del 1988 negli USA, a Detroit, Michigan e Aspen, Colorado. Altre personali  sono alle Isole Cayman nel 1998, a Pechino nel 1999 e nel 2001, a Saint Paul in Minnesota nel 2000. Ulteriori mostre collettive lo vedono impegnato in Italia e nel mondo, a Bocca di Magra, La Spezia nel 1986, a  Prato l’anno successivo, presso la Chapel Gallery di Aspen nel 2002, a Pechino e Shanghai tra 2005 e 2006. Lavora molto in Estremo Oriente, viaggiando e risiedendo anche per lunghi periodi in Giappone, Corea, Tailandia, India e Cina; apre anche uno studio a Pechino. Risiede stabilmente ad Aspen. 


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dal sito dell'Artista www.davidjungquist.com

Timeline