"L’arte è l’aspetto visibile delle mie domande"
François Stahly

Biografia

François Stahly nasce nel 1911 a Costanza, Germania, e pochi anni dopo si trasferisce in Svizzera con la famiglia. A Zurigo compie un apprendistato in una stamperia e al tempo stesso segue dei corsi di disegno e scultura. Nel 1930 si trasferisce a Parigi, dove diventa allievo di Charles Malfray e Aristide Maillol all’Académie Ranson. In collaborazione con Fred Littmann riceve una commissione per il padiglione dell’Esposizione Universale del 1937. Con l’inizio della guerra è costretto a lasciare Parigi e a rifugiarsi prima a Marsiglia, dover conosce Marcel Duchamp, e poi a Oppède, dove rincontra Hans Jean Arp e collabora con Bernard Zerhfuss, Jean Le Couteur e Paul Herbé. Nel 1949 apre il suo studio a Meudon ed è uno dei membri del comitato del “Salon de la Jeune Sculpture”. Nel 1953 inaugura la sua prima mostra personale presso la Galerie Paul Facchetti a Parigi. Nel 1958 invece, apre una scuola privata e uno studio a Meudon, dove giovani scultori e architetti possono lavorare in gruppo.

Nel 1960 si trasferisce negli Stati Uniti, dove insegna all’Università di Berkeley in California e a quella di Washington, a Seattle. In America realizza grandi committenze quali la scultura monumentale per il Golden Gate Park a San Francisco. Nel 1967 decide di tornare a Parigi, dove gli viene dedicata una retrospettiva al Musée des Arts Décoratifs. Nello stesso anno giunge in Italia, in Versilia dove lavora presso gli stabilimenti di Querceta dell’ Henraux. Negli anni ’70 Stahly realizza un grande progetto per il parco di Haut Crestet in Francia, dando vita a un grande atelier nato per essere luogo di incontro e di lavoro comune per giovani scultori. Il parco verrà successivamente venduto, nel 1984, al Centro Nazionale delle Arti Plastiche diventando poi un centro di Arte Contemporanea. Dal 1974 al 1998 viaggia in diversi paesi del mondo, quali Guatemala, India, America, Messico, Israele, Egitto, Marocco, Italia e molti altri. Muore nel 2006 a Meudon.

François Stahly ha ricevuto numerosi riconoscimenti come il Premio della Biennale di Tokyo nel 1965, il Grand Prix des Beaux-Arts della città di Parigi nel 1972, il Premio Nazionale della Scultura nel 1979 ed è stato eletto membro dell’Académie des Beaux-Arts di Parigi nel 1992.


Le immagini pubblicate nella Timeline sono state estratte dal sito:
www.stahly.fr

Timeline