"Questa vergine indigena sta per far volare via la sua purezza"
Gabriele Rovai a proposito della scultura “Mururoa”

Biografia

Fin da bambino trascorre molto tempo nel laboratorio del padre, assistendo alle manovre e provando a lavorare il marmo e modellare la creta. Finiti gli studi nel 1955 presso l'Istituto Statale d'Arte "Stagio Stagi" di Pietrasanta, nel 1959 consegue il diploma presso il Liceo Artistico di Carrara, dove torna nel 1963 per insegnare Figura e Ornato Modellato e successivamente anche Discipline Plastiche. Durante lo stesso anno si diploma in Scultura all'Accademia di Belle Arti di Firenze e nel 1972 in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Carrara. Si forma tecnicamente nella lavorazione del marmo presso il laboratorio di famiglia Santoli & Rovai e presso gli studi degli scultori Leone Tommasi a Pietrasanta, Antonio Berti a Firenze e lo studio di scultura Cascieri & Di Bicari di Boston. Dopo 30 anni esatti di insegnamento al Liceo Artistico e all'Accademia di Belle Arti, si dedica a tempo pieno alla scultura nel vecchio laboratorio di famiglia a Pietrasanta.

E' autore dei volumi "Il mestiere di marmista", 1999 e "Dall'argilla al marmo", 2002 e dei quaderni "Impara il Marmo" e "Impara il Bronzo", presentati a Sarajevo in occasione della Settimana della Cultura Italiana. Ha pubblicato anche libelli con litografie e poesie, é "designer" e progettista di imbarcazioni a vela da 4 a 11 piedi . La sua grafica seriale di autore è tutta tirata a braccio.

Numerose sono le sue presenze nelle mostre dell'area apuo-versiliese, tra cui presso il Centro Culturale "L. Russo" si ricordano: "Pietrasanta/Michelangelo/Marmo, memoria, mito", 1995, "Il Dono dei Magi", 1996, "La porta dell'anima", 1998, "Il mestiere del marmista" (personale, 1999), "I colori della Vita", 1999, "Il tempo, il sogno, il gioco, il carnevale", 2002, "Scolpire e dipingere il dono", 2004; e ancora: Galleria La Volena, Forte dei Marmi (personale, 1969); "Studi aperti in Versilia", Pietrasanta, 1995; Officina Michelangelo, Pietrasanta (personale, 1999); "Arabeschi d'arte", Querceta, Lucca, 1999; "Presenze artistiche ad Azzano", Sede P.A., Azzano, Lucca, 2001; "Studi aperti", Versilia, 2003; "Asartshow", Villa Cavanis, Capezzano Pianore, Lucca, 2004; "Amor marmoris", Levigliani, 2005, “Bronzi e disegni”, Sala delle Grasce, Centro Culturale "L. Russo", Pietrasanta, 2014.


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dai siti:
www.museodeibozzetti.itwww.versiliatoday.it

Timeline