“Restano sempre validi per determinare la qualità di una scultura, la conoscenza stilistica fra volumi e superfici e la dialettica dei piani e dei vuoti, in una parola: la misura del ritmo”
Giannetto Salotti

Biografia

Lo scultore Giannetto Salotti svolge gli studi presso lo storico Istituto d'Arte Passaglia di Lucca e l'Accademia di Belle Arti di Firenze, dove consegue il diploma con il massimo dei voti nel 1941. Nel 1945 inizia l'attività artistica, partendo da una solida formazione tecnica e da un figurativo caratterizzato da un forte realismo, che si evolve sino ad una espressione essenziale delle forme. Dal 1970 Salotti è invitato ai Seminari di Scultura della Fondazione Henraux, con i maggiori esponenti della scultura mondiale d'avanguardia: Henry Moore, Hans Arp, Joan Mirò e altri. L'artista partecipa a mostre in Italia, Olanda, Francia, USA, Brasile, Venezuela, Germania, Svizzera e Giappone; lavora ad importanti commissioni nazionali ed internazionali. Le sue opere sono presenti nei maggiori musei e collezioni, in Italia e all'estero. Dal 1952 Salotti si dedica all'insegnamento a Volterra, Ortisei e a Pistoia. Infine è titolare della cattedra di Figura ed Ornato Modellato presso il Liceo Artistico di Lucca. Da qualche anno si dedica, oltre che alla scultura ed alla grafica, anche alla pittura.

Hanno scritto di lui, tra gli altri: Antonello Trombadori, Pier Carlo Santini, Arrigo Benedetti, Raffaele Carrieri, Mario Cancogni, Krimer, Paul Dumon, Lucia Toesca, Domenico Acconci, Roberto Giovannelli, Mario Marzocchi, Tommaso Paloscia, Mirko Pucciarelli, Florio Santini, Antonella Serafini.


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dal sito dell'Artista www.salottiscultore.info

Timeline