"L’arte è un modo di vivere, una maniera di stare al mondo"
Gigi Guadagnucci

Biografia

Autodidatta, fin da bambino impara a lavorare il marmo frequentando i laboratori di scultura. Nel 1936 si stabilisce a Grenoble, dove lavora con Gilioli e si dedica allo studio della storia dell'arte e al disegno. Quindi si arruola nella Legione Straniera e quindi nella Resistenza. Nel 1953 si stabilisce a Parigi, dove è in contatto con gli ambienti culturali più aggiornati. Negli anni '70 ritorna a Massa.

Tra le sue principali mostre personali si ricordano: Casa di Dante, Firenze 1952; Galerie Regards, Parigi 1977; Istituto Culturale Francese, Roma 1978; Galleria Ferrari, Brescia 1979; Musée Bordelle, Parigi 1979; Convento della Nunziata, Pontremoli 1982; Sede Bayer Italia, Milano 1985; Galleria Arte Borgogna, Milano 1987; Galerie du Manoir, La Chaux de Fonds, Svizzera 1987; Andreas Galleries, Washington D.C. 1987; Horti Leonini, San Quirico d'Orcia 1992; Malcesine, Verona 2001; Palazzo dei Diamanti, Ferrara 2004.

Dagli anni '60 è fra i protagonisti delle maggiori rassegne di scultura internazionale: Jeune Sculpture, Salon de Mai, Comparations, Rèalitès Nouvelles, Grands et Jeunes d'Aujourd'Hui, Art Sacrè, Biennale de Menton, Biennale di Carrara, Quadriennale di Roma. Tra le sue collettive si ricordano: Galerie Colette Allendy, Parigi 1958; Rome – New York Art Foundation, Roma 1959; Robles Gallery, Los Angeles 1960; Brook Street Gallery, Londra 1960; Galerie Claude Bernard, Parigi 1961; 1967; Galerie Blumenthal, Parigi 1962; Bowling de Paris, Parigi 1963; Centre Culturel, Royaumont 1964; International du Petite Bronze, Parigi 1965; International de Sculpture, Vaux de Cernay 1967; Musée de l'Avane 1967; "Pittori e Scultori Italiani di Francia" 1970, Venezia; Istituto Italiano di Cultura, Parigi 1974; Grand Palais, Parigi 1976; I Triennale Europea della Scultura, Parigi 1978; Shahin Requicha Gallery, Rochester, New York 1981; Reims 1984; Château de Vassivière, Limousin 1984; Fortezza di Sarzanello, Sarzana 1985; "Marble Italian Culture, Technology and Design" 1987, New York; "Les Maîtres Italiens de Paris" 1988, Villejuif; Yorkshire Sculpture Park 1988; "Idiomi della Scultura Contemporanea 2" 1989, Comune di Sommacampagna 1989; Galleria Forni, Bologna 1989.

E' presente in numerose collezioni: Museo d'Arte Moderna, Parigi; Collezione Nazionale Francese; Hirshhorn Museum, Washington D.C.; Musée d'Art Moderne, Strasburgo; Museo Bloch, Rio de Janeiro, Brasile; Museo del Marmo, Carrara; Rochester Institute of Technology, Rochester. Tra le sue commissioni pubbliche e private vi sono: Ospedale Universitario, Créteil; Ecole Nationale du Batiment, Cormeilles en Parisis; Cannes; C.E.S. – Bruay en Artois, Draveil, Albertville, Isle-sur-Sorgue, Marseille, Etang de Berre, Frévent; Facoltà di Lettere e Scienze Umane, Tours; Scuola Alberghiera, Thonon-les-Bains; Parc Paul Mistral, Grenoble; Palazzo dei Congressi e della Musica, Strasburgo; Sporting Club, Montecarlo; Palazzo del Principato, Monaco; Palazzo Comunale e Palazzo Ducale, Massa; Palazzo del Sultano, Brunei; Nuovo Hilton Hotel, Tokyo.

Nell'area apuo-versiliese lavora presso i Laboratori Augusto Angeli e Alfredo Soldani di Massa, la I.M.E.G. di Viareggio, e a Pietrasanta presso i Laboratori Giorgio Angeli, Bertozzi e Frediani, Henraux, Studio Sem e le Fonderie Tommasi e Tesconi. Determinante è stata la sua presenza alle mostre della zona, di cui si ricordano le personali: Azienda Soggiorno e Turismo, Massa 1978; "Guadagnucci e Ciulla", Centro Culturale L. Russo, Pietrasanta 1991; Castello Malaspina, Massa 1993; Chiesa di Sant'Agostino, Pietrasanta 2003; Palazzo Ducale, Massa 2005.

Timeline