“Tutto è scultura. Qualsiasi materiale, qualsiasi idea nata senza ostacoli nello spazio, io la considero scultura”
Isamu Noguchi

Biografia

Nasce negli Stati Uniti, cresce in Giappone, dove inizia a frequentare le scuole primarie. Ritorna negli Stati Uniti nel 1918, completa le scuole superiori nell'Indiana, e quindi frequenta i corsi di Medicina alla Columbia University di New York. Si iscrive alla Scuola d'Arte Leonardo da Vinci nel 1924, lascia l'Università per dedicarsi alla scultura e diventare membro della National Scupture Society ed iniziare ad esporre alla National Academy of Design e alla Pennsylvania Academy of Fine Art. Nel 1927 ottiene la borsa di studio J. S. Guggenheim con cui si reca a Parigi, dove per sei mesi lavora come assistente di Brancusi. Ritorna a New York, nel 1929 espone la sua prima mostra personale alla Eugene Schoen Gallery.
Nel 1930 è a Pechino, dove impara il disegno ad inchiostro, e quindi in Giappone, dove conosce le sculture Haniwa, i giardini Zen, lavora la ceramica ed espone alla mostra "Nikkaten" a Tokyo. Nel 1931 ritorna a New York e nel 1933 è a Londra: inizia a creare i primi progetti pubblici in grande scala e le prime scenografie per Martha Graham; si reca in California ed in Messico. Nel 1937, di nuovo a New York, inizia a progettare le prime opere per commissioni private e allestimenti per spazi pubblici. Nel 1949, con una borsa di studio della Bollingen Foundation, viaggia in Europa, Egitto, India, Cambodia, Indonesia e quindi Giappone, dove vive dal 1952 al 1958, quando ritorna a New York. Nel 1961 inizia una collaborazione di 5 anni con Louis Kahn e nel 1962 lavora all'American Academy a Roma e all'Henraux di Querceta. Nel 1966 fonda a New York la Akari Foundation, che nel 1980 diventa la Isamu Noguchi Foundation, per poi aprire The Isamu Noguchi Garden Museum nel 1983.

Tra le sue principali mostre personali si ricordano: Charles Egan Gallery, New York 1949; Museo d'Arte Moderna, Kamakura 1952; Museo Nazionale d'Arte Moderna, Tokyo 1966; Whitney Museum of American Art, New York 1968, 1980; Cordier & Ekstrom Gallery, New York 1970; MoMA, New York 1977; Walker Art Center, Minneapolis, 1978. Diverse le collettive a cui prende parte, tra le quali: "Trois siecles d'Art aux Etas-Unis" 1938, Musée du Jeu de Paume, Parigi; MoMA, New York 1946; Biennale di San Paolo, Brasile 1951; "Documenta" 1960, 1964, Kassel; "Expo" 1970, Osaka; Biennale di Venezia (rappresenta gli Stati Uniti, 1986); Centre Georges Pompidou, Parigi 1986; Museum of Art, Dallas 1987. 

Fra le numerose realizzazioni si ricordano: Ponte di Hiroshima; giardini, UNESCO, Parigi; "Sunken Garden", Yale University, New Haven; Sculpture Garden, Israel Museum, Gerusalemme; IBM, Armonk; "Kodomo No Kuni", Tokyo; "Red Cube", 140 Broadway, New York; "Octetra", Spoleto; Seattle Art Museum; Western Washington University, Bellingham; Bayerische Vereins Bank, Monaco; Society of the Four Arts, Palm Beach; Pepsico, Purchase; "Playscapes", Piedmont Park, Atlanta; Cuyahoga Justice Center, Cleveland; Art Institute of Chicago, Illinois; Storm King Art Center, Mountainville; Piazza, Finanziaria Fiere, Bologna; Bayfront Park, Miami; Cleveland Art Museum, Ohio; Metropolitan Museum of Art, New York; Japanese-American Cultural Center Plaza, Los Angeles; Kimbell Art Museum, Fort Worth; giardino acquatico, Domon Ken Museum, Sakata; Sculpture Garden, Museum of Fine Arts, Houston; parco, Sapporo; Takamatsu Airport, Shikoku.

Fra i numerosi riconoscimenti tributatigli nella sua lunga carriera ricordiamo: "Honorary Degree of Fine Arts", New School of Social Research 1974; membro onorario, New York Society of Architects 1975; Medaglia d'Oro e membro, American Institute and Academy of Arts and Letters 1977; Laurea ad Honorem, Columbia University, New York 1977; Kyoto Prize, Inomori Foundation 1986; "National Medal of Arts", Washington D.C. 1987; "Third Order of the Sacred Treasure", Governo Giapponese 1988; Award for Distinction in Sculpture, Sculpture Center, New York 1988. Le sue opere fanno parte delle collezioni dei maggiori musei d'arte internazionale, spazi pubblici e diverse collezioni private in tutto il mondo. 

Arriva in Versilia (dove poi ritorna periodicamente) nel 1962 quando realizza le proprie opere presso la Henraux S.p.A. e anche presso i Laboratori Giorgio Angeli, Studio Sem, Sauro Lorenzoni, Officina, Massimo Pellegrinetti e Fonderia Tesconi. Nell'area apuo-versiliese partecipa ad alcune rassegne, tra cui la "Mostra Nazionale del Marmo" a Carrara nel 1972 e a Pietrasanta presso il Centro Culturale L. Russo, a "Artisti e artigiani in un centro storico" nel 1976, "Il passato e la presenza" nel 1982-1983 e "Il disegno degli scultori" nel 1988.

Timeline