"Tutte le mie sculture guardano il cielo, è un cammino verso il cielo nella scultura"
Jean Michel Folon

Biografia

Nel 1955 abbandona gli studi di Architettura presso l'Ecole Supérieure de la Cambre a Bruxelles per raggiungere Parigi. Disegna tutti i giorni e viaggia molto in Europa. Nel 1960 le riviste "Horizon", "Esquire" e "The New Yorker" di New York pubblicano i suoi disegni; parte quindi per gli Stati Uniti. Nel 1967 partecipa alla Biennale di Parigi e i suoi disegni intanto appaiono su "Time", "Fortune", "Graphis", Atlantic Monthly", "Nouvel Observateur" e "L'Express". Dal 1974 al 1981 crea numerose illustrazioni per alcune opere di Kafka, Bradbury, Borges, Apollinaire, Prevert, Vian, e Maupassant, esegue le scenografie per opere liriche di Frank Martin e Giacomo Puccini ed inizia a dedicarsi alla scultura. Nel 1983 realizza dei cartoni animati e gira dei cortometraggi a New York, Los Angeles e New Orleans; apre un nuovo studio a Montecarlo. Nel 1988 illustra per Amnesty International la "Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo". Crea la Fondazione Folon, vicino a Bruxelles.

Tra le sue principali mostre personali si ricordano: Galerie de France, Parigi 1968; Lefebre Gallery, New York 1969; 1972, 1978, 1980, 1982; Galleria Il Milione, Milano 1970; Musée des Arts Décoratifs, Parigi, Palais des Beaux-Arts, Charleroi, Musée Royaux des Beaux-Arts de Belgique, Bruxelles, Castello Sforzesco, Milano 1971-1972; Studio Marconi, Milano 1974; Museo Boymans-van Beuningen, Rotterdam 1976; Institute of Contemporary Art, Londra 1977; Musée de la Poste, Parigi 1982; Musée Ingres, Montauban 1982; Galerie Maeght, Parigi 1982; La Défense, Parigi 1983; Museo Picasso, Antibes 1984; Tokyo, Osaka, Kamakura 1985; Museo Correr, Venezia 1985; Musée Botanique, Bruxelles 1987; Scuola Grande di San Giovanni, Venezia 1988; Metropolitan Museum of Art, New York 1990; Museo Marino Marini, Firenze 1990; Parco del Château de Seneffe, Belgio 1990, 1996; La Pedrera, Barcellona 1993; Marisa Del Re Gallery, New York 1994; Media City, Shizuoka, Museo Bunkamura, Tokyo e Kyoto, Giappone 1995; Musée Olimpique (202 opere), Losanna 1996; Museo Morandi, Bologna 1996; Casinò, Knotte-Le Zoute, Belgio 1997; Castelo de Sao Jorge, Lisbona 2001; Forte Belvedere e Palazzo Vecchio, Firenze 2005.

Numerose anche le collettive, tra cui: Triennale, Milano 1968; Tokyo e Osaka, Giappone 1970; XXXIV Biennale, Venezia 1970; Arts Club, Chicago 1972; Expo, Grand Palais, Parigi 1972; Palais des Beaux-Arts, Bruxelles 1975; Deutsches Plakatmuseum, Essen 1976; XX Festival di Spoleto (crea il manifesto, 1977); Musée d'Art Moderne, Liegi 1978; Museo des Bellas Artes, Buenos Aires 1987; Musée d'Art Moderne, Parigi 1988. 

Tra le sue più importanti commissioni pubbliche vi sono: "Magic City" 1974, dipinto (165 mq), sala del nuovo metro, Bruxelles; "Paysage" 1975, murale per l'Olivetti, Stazione Waterloo, Londra; murale (14 piani) 1985, Parigi; tappezzeria (80mq) 1989, Palazzo dei Congressi, Monaco; sculture di grandi dimensioni a Parigi, Barcellona, Marsiglia, Montecarlo e Bruxelles 1991; vetrate della Cappella 1992, Mont-Agel, Francia; "Le Messager" 1997, Parco Reale, Bruxelles; sei vetrate, Chiesa di Burcy e dodici vetrate, Chapelle de Pise, Nîmes, Francia 1998.
Viene insignito del Certificate of Merit, Art Directors Club, New York nel 1966; Grand Prix, XII Biennale di San Paolo nel 1973; Ordre de la Légion d'Honneur, Eliseo, Parigi nel 2002; del titolo di Ambasciatore dell'UNICEF nel 2004.

Nel 1996 scolpisce le prime sculture in marmo a Pietrasanta, dove lavora presso i Laboratori Cervietti, Stefano Giannoni e presso lo studio di mosaico Stagi. Molte le mostre a cui prende parte nell'area apuo-versiliese, tra cui si ricordano le personali: La Versiliana, Marina di Pietrasanta 1992; Galleria La Subbia, Pietrasanta 1998; Piazza del Duomo e Chiesa di Sant'Agostino, Pietrasanta e "Le temps d'une prière" 1999; scenografie e costumi per "La Bohème" 2002, Festival Pucciniano, Torre del Lago; Palazzo Ducale, Lucca 2002; Villa Paolina, Viareggio 2004. Nel 2001 viene collocata la sua scultura "L'oiseau" su di una rotonda su Viale Apua a Pietrasanta e nel 2004 vince il Premio Pietrasanta e la Versilia nel mondo.

Timeline