“Per dare “vita” ai miei lavori cerco di farli diventare parte dell’ambiente in cui sono inseriti, creando lo spazio necessario perché possano “respirare” ed essere fruiti come qualcosa che “abita” in maniera naturale il luogo nel quale è collocata”
Mariko Isozaki

Biografia

Artista giapponese nata a Tokyo nel 1964, studia alla scuola d’arte di Musashino, città conurbata con Tokyo, dove si diploma in ceramica e design nel 1990. Compie ulteriori studi in Italia, specializzarsi nel 1992 all'Istituto Statale d'Arte per la Ceramica "Gaetano Ballardini" di Faenza. Nel 1994 realizza la prima mostra personale, in Giappone, presso la Gallery Ma di Tokyo. Per i primi dieci anni di attività espone soprattutto in Giappone: a Tokyo nel 1995 presso la Gallery Isogaya, l’anno seguente alla Gallery Ma e alla Gallery Tao. Nel 1998 espone alla Inax Gallery Ceramica e nel 1998 ancora alla Gallery Tao e alla Gallery Meguro nella prefettura di Mie. Nel 1999 è ospite presso il Sogetsu Art Museum di Tokyo. Nel 2001 espone alla Gallery Jin, nel 2004 alla Plus Minus Gallery e nel 2005 nuovamente alla Gallery Tao. Nel 2006 arriva la prima personale in Italia a Trento presso la Galleria Fogolino; l’anno successivo è presso la Naviglio Modern Art Gallery di Milano e per Cardazzo Contemporaneo ad Art Verona.

Torna ad esporre in Giappone dal 2008 ad Osaka presso la Gallery Amano e a Tokyo presso la Gallery Tao; nel 2009 e 2011 alla Shinjuku Takashimaya Art Gallery di Tokyo. Moltissime le collettive tra cui la prima nel 1998 quando partecipa al 5th International Ceramic Competition a Gifu, in Giappone, e l’anno successivo alla 51a edizione del Festival Internazionale della Ceramica a Faenza e ancora in Italia ad ASIART – Asian Contemporary Art, Ia Biennale d’Arte Contemporanea a Genova, e ad Abitare il Tempo a Verona. Nel 2001 prende parte a Bianco e nero, presso la Fatto ad Arte Gallery di Monza, ad Art Rotterdam nella città olandese e a Duo Exhibition presso la De Vierde Dimensie Gallery a Nijmegen, ancora in Olanda. È poi a New Movements in Craft -Respective Forms nella prima e seconda edizione con la Takashimaya Gallery nel 2002 e 2004. Nel 2008 è alla VI edizione di Donna Scultura a Pietrasanta, presso la Chiesa di Sant’Agostino; nello stesso anno è in mostra alla Gallery Satsu di Tokyo per Crystal Sweets, all’Osaka Contemporary Art Center per Gallerism 2008 e ad Art Verona.  

Dell’anno seguente sono Incoerenza presso la Cardazzo Contemporaneo Naviglio Modern Art Gallery, The Power of Decoration – A View point on Contemporary Studio Craft presso The National Museum of Modern Art di Tokyo, Artistic Christmas Vol. 3 alla Shinjuku Takashimaya Art Gallery e al National Art Center di Tokyo DOMANI: The Art of Tomorrow 2009. Nel 2010 gli ultimi lavori: CARTA al T – prove d’autore a Cagliari e Milano, The 11th KAJIMA SCULPTURE COMPETITION presso il Kajima KI Building a Tokyo, partecipa a Kunstart 10, la Fiera Internazionale d’arte di Bolzano, a Food Design a Vicenza, alla Biennale di Ceramica di Taiwan e a MIYABI presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara e il Museo Crocetti di Roma. Le sue opere sono presenti in collezioni permanenti pubbliche e private, come il Museo dei Bozzetti di Pietrasanta, il Museo della Ceramica di Faenza, ma anche istituti e collezionisti giapponesi. Risiede e lavora stabilmente in ambito versiliese fino al 2013, quando muore improvvisamente, all’età di 49 anni, durante un soggiorno in Giappone.


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dai siti:
www.marikoisozaki.comiltirreno.gelocal.itwww.cardazzofactory.it,
www.museodeibozzetti.itblogmuseodeibozzetti.files.wordpress.com,
artfrontgallery.com

Timeline