Biografia

Rosanna Gregorace, giovane artista italiana, inizia la sua carriera di scultrice, esponendo nel 1999 nella collettiva della Sezione di Scultura ed Anatomia dell'Accademia di Belle Arti di Catanzaro, a cui seguono nell'anno successivo la partecipazione alla terza edizione del Simposio "Ex tempore" di Suvereto, Livorno e alla collettiva "Torano giorno e notte, il paese degli artisti". Intanto frequenta l'Accademia di Belle Arti di Carrara, dove si diploma con il massimo dei voti nel giugno 2003. Durante gli anni di studio, collabora alla realizzazione del Monumento a Francisco Ferrer nel 2001 per l'Università di Economia a Barcellona. Nel 2002 partecipa alla realizzazione della scenografia per la rappresentazione dell' "Aida" a Verona e al "Simposio su marmo Wunsiedel" a Monaco di Baviera. 

Il 2003 vede l'artista vincere il primo premio della I edizione del simposio di scultura di Marina di Pietrasanta  "Aldo Campatelli, le mani intelligenti" e partecipare alla collettiva della sezione di scultura "Infieri 2003" presso l'Accademia di Belle Arti di Carrara e alla mostra collettiva "La figura" di Capraia Fiorentina, Firenze. L'anno successivo, vince il premio acquisto Premio di scultura Mannucci, XI edizione, di Arcevia. Da alcuni anni si è trasferita a Vercelli, piccola città d'arte, dove è docente di discipline plastiche ma ogni estate torna a Carrara per scolpire. L'artista procede la sua ricerca indagando indomita per giungere con accesa acribia al più profondo significato della creazione. Con gli anni la poetica si fa più intimistica. La forma ricercata se talvolta sembra esprimere disagio e dramma dell'esistenza umana, evidenziati con tagli e fenditure profonde ed aspre, talaltra, assumono una calma antica e maggiore serenità, quasi a dimenticare, almeno per un momento, il disagio che l'uomo prova nell'interrogarsi sull'ignoto.


Le immagini pubblicate nella TimeLine sono state estratte dal sito del Museo dei Bozzetti  www.museodeibozzetti.it

Timeline